eMail: Sign inSign in
Menu
logo

Druidismo e religione

More in this section

Druido (by Bibrax)Druido (by Bibrax)

Druidismo è un termine con cui ci riferiamo al sistema religioso dei Celti durante il periodo Lateniano. Il contesto specifico può variare, ma consiste generalmente nell'adorazione della natura, il rispetto dei cicli stagionali e la divinazione attraverso metodi vari. I Druidi erano i custodi del sapere celtico, dei rituali e della saggezza, assumendo ruoli chiave come guaritori, consiglieri e profeti.

La gran parte delle informazioni sul druidismo proviene da fonti secondarie, principalmente di autori greci e romani, come lo storico greco Strabone e lo storico romano Tacito. Essi descrivono i Druidi come una casta elevata, dotata di potenti abilità e un profondo rispetto nei confronti della natura. La cultura e la religiosità celti del periodo Lateniano erano così complesse e ricche, che richiederebbero un'indagine dettagliata.

Secondo Cesare, che scrisse nel suo "De Bello Gallico", i Druidi erano responsabili dell'educazione dei giovani, controllavano i sacrifici pubblici e privati e interpretavano i voleri degli dei. Erano esenti da compiti militari e da imposte, ed erano considerati una classe di intermediari tra gli dei e gli uomini.

I Druidi erano noti anche per la loro pratica del culto degli alberi, particolarmente la quercia. Isodi Landino, in un passo della sua "Cronica", descrive come i Druidi si radunassero in parchi sacri, ornati di rami di quercia, per condurre i loro rituali e per insegnare. Questa evidenza suggerisce che la religiosità dei Celti era intimamente connessa con la natura e il suo ciclo.

Le fonti storiche registrano anche la presenza di figure femminili importanti come le sacerdotesse, note come "Vergini Vestali", che erano incaricate di mantenere il fuoco sacro dei templi e che svolgevano un ruolo centrale nei riti di fertilità.

Il druidismo è spesso criticato a causa di riferimenti ai sacrifici rituali umani. Cesare affermava che, in circostanze speciali, i Druidi praticavano sacrifici umani come offerta alle divinità. Tuttavia, nonostante sia verosimile che i sacrifici fossero parte delle pratiche religiose, non c'è consenso tra gli studiosi sulla frequenza o sulla natura di tali riti.

Va sottolineato che la nostra comprensione del druidismo è limitata a causa della mancanza di fonti primarie. I Druidi erano rinomati per la loro tradizione orale, non lasciando dietro di sé registrazioni scritte delle loro pratiche o credenze. In oltre, le descrizioni di autori romani e greci possono essere influenzate dai loro pregiudizi culturali.

In conclusione, il druidismo, come centro del sistema religioso dei Celti nel periodo Lateniano, offre uno scorcio affascinante nella spiritualità pre-cristiana europea. Ricco di rituali, connessione con la natura e un senso dell'arcano, ci svela l'unicità di una cultura che, nonostante l'assenza di documenti scritti, ha lasciato tracce profonde nella storia europea. Demonstra l'importanza della conoscenza storica e dell'interpretazione delle fonti disponibili per comprenderne appieno l'essenza e l'importanza.